Elezioni in Islanda, chi ha vinto davvero?

elezioniCon un libro sulle vicende islandesi appena terminato di scrivere, che verrà pubblicato a breve, seguo dall’Italia le elezioni politiche del 27 aprile in Islanda. Dapprincipio resto incredulo di fronte ai risultati. Vince il Pi, il Partito dell’indipendenza, la fazione politica che più di ogni altra è stata responsabile della crisi.

Si tratta dello stesso Pi che fu a lungo guidato da David Oddsson, vero e proprio “dottor shock” islandese (per usare l’espressione coniata dalla giornalista canasdese Naomi Klein), iniziatore e principale fautore delle liberalizzazioni che a partire dai primi anni duemila tolsero ogni briglia al settore finanziario, causando la bolla finanziaria che spinse il paese sull’orlo del fallimento sul finire del 2008.

Ed ecco che, almeno stando ai media internazionali, questo ottiene nuovamente la fiducia dei cittadini a neppure cinque anni dallakreppa, il crack finanziario che segnò la fine dell’era Haarde-Oddsson.

Sconcertato e in cerca di lumi inizio a mandare e-mail agli amici islandesi, che mi hanno ospitato ed informato durante il mio viaggio in Islanda. Possibile che ci si sia già scordati di tutto? Davvero è bastata una leggera brezza di benessere a cancellare ogni volontà di cambiamento? Mi rimbalzano in mente le parole di Solveig Jonsdottir, presidente di Attac Islanda, che davanti ad una birra nella piazza del parlamento a Reykjavik mi disse con aria sconsolata: “A volte penso che alla fine quello che la gente voleva veramente era tornare a come stava prima della crisi”.

Scrivo a Birgitta Jonsdottir – nel frattempo divenuta leader del partito dei pirati -, a Hordur Torfason, il cantante e attivista che è stato fra i leader delle rivolte, a Salvor Gissuradottir, altra attivista di Attac, ad Einar Mar Gudmundsson, scrittore di fama internazionale e attivista. Mi rispondono in poche ore, e le loro parole non sono di delusione come mi aspettavo. Capisco di essermi fatto ingannare, almeno in parte, dai titoli dei giornali.

Continua a leggere su IlCambiamento.it

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Articoli. Contrassegna il permalink.

Una risposta a Elezioni in Islanda, chi ha vinto davvero?

  1. Pingback: In Islanda la rivoluzione è tornata! | Islanda chiama Italia

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...