I Pirati hanno perso. Ma le donne hanno vinto. E l’Islanda?

Avevo già immaginato il titolo: qualcosa del tipo “Storia dei Vichinghi che divennero Pirati” o “I Pirati conquistano la terra dei Vichinghi”. Fantasticavo immaginando la bellezza del lieto fine tanto atteso, la conclusione perfetta per una vicenda che seguo con passione da sei anni e ho raccontato nel libro Islanda chiama Italia. Ma la Storia ha scritto un capitolo differente, che male si incastra con la narrazione del paese rivoluzionario che ha rifiutato di pagare il debito delle banche, cacciato una classe di politici corrotti e riscritto la costituzione dal basso.

Il Partito Pirata islandese, nato dall’esperienza dei movimenti popolari del 2009, che i sondaggi davano in testa e candidato a guidare il paese, ha mancato clamorosamente il colpo, finendo terzo nelle preferenze con “solo” il 14,5% dei voti.

Iceland_Pirate_Par_2781334a

Continua a leggere

Pubblicato in Articoli | Contrassegnato , | 2 commenti

Il Partito Pirata può vincere le elezioni in Islanda

Questo sabato l’Islanda conoscerà la composizione del suo nuovo parlamento e saprà se quel processo di partecipazione diffusa nato con i movimenti sociali e le manifestazioni contro il governo e le banche del 2008 (ai tempi del crash economico) troverà infine uno sbocco anche istituzionale.

570c0787b479f

A pochi giorni dal voto i sondaggi danno il Partito Pirata islandese guidato da Birgitta Jonsdottir in vantaggio di 1,5 punti percentuali sul conservatore Partito dell’Indipendenza. Un’inezia che però fa da spartiacque fra due modi di intendere la politica e la società completamente opposti.

Continua a leggere

Pubblicato in Articoli | Contrassegnato , | Lascia un commento

Il calcio non è il solo miracolo islandese

In Islanda impazza un’incontenibile febbre da europeo. La vittoria agli ottavi contro l’Inghilterra ha regalato agli isolai l’incredibile accesso ai quarti dove domenica sfideranno la Francia padrone di casa. Sembra incredibile che un paese di 300mila abitanti e poco più possa competere con le nazionali più forti del mondo, eppure l’Islanda non è nuova a questo genere di imprese incredibili, e se seguite questo blog dovreste saperlo.

Foto di Helgi Halldórsson via Flickr

Foto di Helgi Halldórsson via Flickr

A seguire la sfida contro l’Inghilterra, sugli spalti, c’era anche un tifoso speciale, al suo primo incarico in veste istituzionale: Guðni Jóhannesson, il nuovo presidente islandese appena eletto con il 40% dei voti. Continua a leggere

Pubblicato in Articoli | Contrassegnato , , , | Lascia un commento

“Un ritorno al 2009? Stavolta siamo molto più arrabbiati!”. 20.000 islandesi in piazza per far cadere il governo!

In Islanda la protesta non si ferma neppure con le dimissioni del primo Sigmundur Gunnlaugsson, travolto dallo scandalo dei Panama Papers. Sarebbero addirittura 20.000 gli islandesi scesi in piazza nelle scorse ore per protestare contro il governo: circa il 6 per cento dell’intera popolazione islandese,che fa della manifestazione la più grande della storia dell’isola!

SONY DSC

Dalle ultime notizie infatti il premier non sarebbe l’unico attore coinvolto nell’intreccio di società offshore e conflitti d’interessi fatto emergere dai Panama Papers. Ci sarebbero dentro, forse in misura minore, anche il Ministro dell Finanze Bjarni Benediktsson e il ministro degli interni Ólöf Nordal.

Continua a leggere

Pubblicato in Articoli | Contrassegnato , , , , | Lascia un commento

In Islanda la rivoluzione è tornata!

Oltre diecimila persone che manifestano in piazza, quasi 30mila che firmano una petizione online. È una mobilitazione popolare impressionante, la più grande della storia d’Islanda. Persino maggiore delle rivolte del 2008-2009, quando a cadere fu il governo di Geir Haarde, colpevole della crisi; oggi si dimette il premier Sigmundur Gunnlaugsson, coinvolto in un intreccio di società offshore e conflitti d’interessi fatto emergere dai Panama Papers.

Se ne va senza lasciare dichiarazioni, lasciando ad un suo ministro il compito di annunciare la decisione. Esce dal palazzi di governo con la testa china e lo sguardo spento; a fianco a lui una folla diecimila persone rumoreggia per la fine di un’era mai veramente iniziata: quella del “rottamatore” d’Islanda, il premier salito al potere promettendo una netta rottura col passato, che si è presto dimostrato parte integrante del sistema finanziario speculativo che quel passato l’ha costruito.

7299084-3x2-700x467

Continua a leggere

Pubblicato in Articoli | Contrassegnato , , | Lascia un commento

Islanda vs. finanza internazionale. I soldi sottratti ai fondi speculativi usati per pagare i mutui dei cittadini.

Foto di Eve Andersson (www.eveandersson.com)

Foto di Eve Andersson (www.eveandersson.com)

Togliere liquidità alla finanza speculativa internazionale e restituirli ai cittadini, sotto forma di aiuti per pagare i mutui. È questo in soldoni – è proprio il caso di dirlo – il succo di quanto deliberato dal governo islandese pochi giorni orsono. 24mila euro saranno condonati su ciascuno mutuo: un’operazione da 900 milioni di euro in quattro anni.

Ma facciamo un passo indietro. La crisi economica esplosa in Islanda sul finire del 2008 ha avuto molte conseguenze. Alcune decisamente positive, come il brusco risveglio della cittadinanza che è riuscita dapprima a far cadere il governo responsabile di un quindicennio di politiche neoliberali che avevano condotto il paese nel baratro della crisi, in seguito ad evitare la socializzazione di un debito contratto dalle banche private, infine a riscrivere una costituzione in maniera aperta e partecipata (quest’ultima tuttavia è una nota dolente visto che la nuova costituzione islandese attende ancora il via libera definitivo del parlamento).

Continua a leggere

Pubblicato in Articoli | Contrassegnato , , , , , | 7 commenti

Islanda chiama Italia: il video promo

Ecco il video promo di “Islanda chiama Italia” realizzato da Paolo Cignini!

Pubblicato in Video | Contrassegnato , , , , , | 4 commenti

“Islanda chiama Italia”, arriva anche la versione cartacea – l’intervista del Cambiamento.it

aDSC_4088È ufficiale: da ieri “Islanda chiama Italia” è uscito in libreria (e sull’e-shop di Macrolibrarsi) nella sua versione cartacea. Nell’occasione vi ripropongo questa intervista sul libro realizzata da Alessandra Profilio per il Cambiamento.

Il racconto della ascesa e della caduta del sogno islandese, dalla nascita della società neoliberale, fino alle vicende più recenti, che hanno visto gli abitanti dell’isola ribellarsi contro i propri governanti corrotti, contro i banchieri senza scrupoli che avevano condotto il paese al collasso, contro l’intera comunità internazionale che premeva per il pagamento di un debito ingiusto, contratto da banche private.

Continua a leggere

Pubblicato in Articoli | 2 commenti

“Islanda chiama Italia” fra pochi giorni in libreria!

cover_ariannaAncora una manciata di giorni e poi “Islanda chiama Italia” sarà disponibile anche nella sua versione cartacea, edito da Arianna Editrice. A quattro mesi dal lancio dell’e-book curato da Ludica, che ha riscontrato un notevole successo fra i lettori, la storia delle rivolte islandesi sbarca in libreria. Qui di lato potete vedere un’anteprima della nuova copertina.

Nella sezione “Presentazioni” potrete trovare l’elenco continuamente aggiornato degli incontri e delle presentazioni che terrò in giro per l’Italia. Alcune di queste saranno fatte assieme a Daniel Tarozzi. Daniel è l’autore di “Io faccio così. Viaggio in camper alla scoperta dell’Italia che cambia” (Chiare Lettere, 2013), una raccolta delle incredibili esperienze di cambiamento incontrate nel suo viaggio di 7 mesi per tutta la penisola. Inoltre è creatore, assieme a me e ad altri, del nuovo progetto editoriale “Italia che cambia”.

Continua a leggere

Pubblicato in Novità | Contrassegnato , , , , | 2 commenti

L’Islanda non vuole più l’Europa, chiusi i negoziati con l’Ue

islanda_ueL’Islanda e l’Europa si allontanano. Non geograficamente, s’intende: l’isoletta spersa nel mare del Nord resta sempre lì, a circa 1500 chilometri dalla Gran Bretagna. Ma politicamente, quello sì. Dall’interno dell’Althingi, il parlamento islandese, Bragi Sveinsson, ministro degli Esteri della coalizione di centro-destra al governo da aprile, ha messo un freno alla procedura di adesione dell’Isola all’Unione europea.

A partire dal 12 settembre i negoziati per l’ingresso dell’isola all’interno della Ue sono ufficialmente sospesi a tempo indeterminato. Lo stop ai colloqui di adesione ed un generale rifiuto delle politiche di austerità europee erano stato il cavallo di battaglia dei vincitori durante la campagna elettorale e la promessa agli elettori è stata mantenuta.

Continua a leggere

Pubblicato in Articoli | Contrassegnato , | 2 commenti